Saldature

Effettuiamo saldature specifiche direttamente e indirettamente in un campo molto esteso, da componenti minuti alla carpenteria

  CONTATTACI

oppure continua a leggere  

È un metodo di saldatura autogena a pressione in cui il materiale viene riscaldato per resistenza elettrica.

È un procedimento manuale in cui la sorgente termica è costituita dall’arco elettrico che, scoccando fra elettrodo rivestito (supportato dalla pinza porta elettrodo) ed il pezzo da saldare (materiale base), sviluppa il calore che provoca una rapida fusione sia del materiale base che dell’elettrodo (materiale d’apporto).

Si realizza creando un arco elettrico fra un filo fusibile ed il pezzo da saldare sotto la protezione di una atmosfera gassosa. In questo processo viene utilizzato un filo tubolare costituito da un rivestimento metallico e da un anima di flusso composto da elementi chimici di natura diversa in funzione del tipo di flusso e delle caratteristiche operative.

Le caratteristiche chimico fisiche di tale flusso permettono di ottenere elevate proprietà metallurgiche e meccaniche paragonabili a quelle dei procedimenti ad elettrodo rivestito. Il filo viene fatto avanzare con continuità da un trainafilo attraverso la torcia fino al bagno di fusione.

Il rivestimento metallico del filo agisce come materiale d’apporto mentre il flusso protegge il bagno di saldatura attraverso la formazione di scoria o lo sviluppo di gas che consentono l’impiego senza protezione gassosa esterna.

La Saldatura laser è una tecnica di saldatura usata per unire multipli pezzi di metallo con l’uso di un laser. Il raggio fornisce un sorgente concentrata di calore, che consente una saldatura sottile e profonda, e un alto rapporto di saldatura. Il processo è usato frequentemente in applicazioni ad alto volume, come l’industria automobilistica.

La saldatura MIG/MAG è utilizzata quando è richiesta un’alta produttività ed una sufficiente flessibilità di impiego. Con questa tecnologia è possibile saldare acciai sia austenitici sia ferritici, leghe di metalli leggeri (Al e Mg), leghe di rame, leghe di nickel e leghe di titanio. Poiché la protezione del bagno di saldatura è assicurata da un flusso di gas, questo procedimento è consigliato solo in officina, dato che, in cantiere, basta un vento moderato a disperdere il flusso di gas di protezione, con conseguente riduzione della qualità del giunto saldato.

In alcuni casi all’esterno si può operare facendo delle cupole protettive circoscritte alla zona da saldare. Questa tecnologia può essere usata senza difficoltà per produrre imburrature (deposizione di uno o più strati fuori diluizione di materiale su un materiale diverso) o per riparazioni soprattutto su grossi spessori quando c’è il rischio di strappi lamellari.

Nella saldatura a plasma, la torcia utilizzata presenta al centro di essa l’elettrodo di tungsteno, il quale è infusibile durante il processo. Intorno a tale elettrodo giunge un gas plasmogenico che, in presenza del campo elettrico presente esternamente o internamente alla torcia, diventa plasma, cioè gas fortemente ionizzato.

È un procedimento di saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. La morfologia generale della zona di saldatura (cioè il fatto che l’arco scocchi sotto la scoria) permette di generare una grande quantità di calore che, essendo schermato dalla scoria, cattiva conduttrice termica, resta localizzato nel bagno di saldatura. Quindi la saldatura ad arco sommerso permette di operare con elevate velocità di saldatura e di deposito.

La saldatura ad arco sommerso è un processo che può essere reso completamente automatico e può effettuare sia saldature longitudinali in posizione piana che saldature circonferenziali su posizionatori.

È un procedimento di saldatura ad arco con elettrodo infusibile (di tungsteno), sotto protezione di gas inerte, che può essere eseguito con o senza metallo di apporto. La saldatura TIG è uno dei metodi più diffusi, fornisce giunti di elevata qualità, ma richiede operatori altamente specializzati. Questa tecnologia di saldatura fu sviluppata inizialmente per l’industria aeronautica nel corso della Seconda guerra mondiale per sostituire sugli aerei i rivetti con saldature[1](molto più leggere a parità di resistenza).

_MB_150731

  CONTATTACI

oppure torna ad inizio pagina  

Pin It on Pinterest

Shares
Share This